HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
Motta Sant'Anastasia

In recenti scavi effettuati nel territorio si sono rinvenute iscrizioni in lingua greca e questo lascia supporre che vi siano vissuti insediamenti ellenici. Il borgo si sviluppò attorno ad un castello restaurato da Ruggero, che fu in seguito assegnato al Vescovo di Catania. In un documento del 1267 Motta era ancora sotto la signoria della chiesa catanese. Passò in seguito ad Enrico Russo, a Rinaldo Perolo e, sotto Re Martino, a Sancio Ruis de Lihori. Successivamente fu dei Moncada. Nel censimento fatto sotto Carlo V vi si contavano appena 570 abitanti, mentre nella seconda metà del XVIII secolo erano 950.