Trapani, la città

Trapani panoramaL’etimo del toponimo Trapani ha origine lontana ma chiara: risale al latino “Drepanis”, adattamento romano del nome dialettale “Drepana” dato dai coloni greci al porto e alla città per la forma a falce dell’insenatura nella quale la fondarono (“drepane” o “depanon”, nel greco classico, significa falce). Fu importante scalo marittimo e apprezzabil polo industriale sino a tempi non lontani. La chiusura dello storico porto Lilibeo nello Stagnone, la stupenda laguna che si stende a nord di Marsala, operata nel tardo ‘ 500, indirizzò infatti i traffici marittimi del Mediterraneo occidentale sullo scalo di Trapani, che fu prospera nel ‘700 e ‘800 grazie alle industrie di conservazione del pesce e ai cantieri navali sostituitisi all’arte del corallo; i trapanesi impiantarono grandi saline sulle coste del Mediterraneo, in Africa e in Asia sino ai primi decenni del ‘900, e ciurme e maestranze provenienti da qui armarono a lungo le grandi tonnare.

Trapani ai giorni nostri

Trapani è oggi una città del terziario, punto di partenza per raggiungere le Egadi, sempre più ambite dal turismo estivo che molto spesso neppure sfiora le gemme che la lunga e travagliata vicenda storico-territoriale ha lasciato nella città e nel suo entroterra. È anche sede di alcune peculiari manifestazioni culturali: la notte del venerdì santo si tiene la processione dei Misteri; a dicembre, il Museo Pepoli è sede della mostra dei presepi ancor oggi prodotti dall’artigianato locale.
Emporio e scalo strategico, con i fenici il porto di Trapani cresce d’importanza quando diviene base navale e caposaldo del sistema difensivo punico in Sicilia; a partire dalla conquista romana della città, che aveva visto incrementare la popolazione col trasferimento degli ericini a valle, inizia però un lento declino, che si protrae fino in età bizantina.
L’invasione araba dell’isola riesce a dare a Trapani, a partire del IX secolo, un nuovo periodo di floridezza; e proprio con gli arabi la città viene ricostituita assumendo gli elementi caratteristici dell’urbanistica islamica: ciò è tuttora visibile nel tortuoso tessuto viario, fatto di vicoli e cortili che scavano gli isolati, che accomuna questa città a quelle della vicina sponda africana.
Nei dintorni della città , tappe d’obbligo sono la vicina Erice, che dal monte domina tutto il territorio circostante, e, lungo la strada per Marsala, le saline e il particolarissimo Museo del Sale.

Stemma di TrapaniComune di Trapani
Provincia Regionale di Trapani
Azienda Provinciale Turismo

Commenti chiusi