HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
 Messina - Arte

Il Duomo

Consacrato nel 1197 sotto il dominio degli Svevi venne parzialmente distrutto dal terremoto del 1783 l'aspetto attuale è il risultato degli interventi di ricostruzione eseguiti dopo l'ultimo terremoto e il bombardamento del 1943. Al suo fianco si può ammirare il Campanile , alto 60 m. e dotato nel 1933 di un grande orologio con quattro quadranti, uno su ogni lato della torre: su quello ovest si aprono nicchie ospitanti alcuni automi che entrano in funzione allo scadere delle 12 ore diurne e notturne.

La Cattedrale di Messina


Fontana di Orione

Le fontana di Orione

Nella piazza antistante il Duomo, una delle poche opere sopravissute ai terremoti raffigurante Orione, il mitico fondatore di Messina. Realizzata nel 1547 da Giovanni Montorsoli e Domenico Vanello per celebrare la costruzione del primo acquedotto cittadino.Le figure umane personificano i fiumi Tevere, Nilo, Ebro e Camaro, mentre alcuni versi del matematico e filosofo messinese Francesco Maurolico, incisi sul vascone, alludono a temi fluviali.


S.Giovanni di Malta

All'interno del Palazzo della Prefettura la piccola chiesa progettata nel '500 da Jacopo del Duca, è una delle poche costruzioni a essersi conservata in discrete condizioni. Al suo interno si trovano il monimento funebre a Francesco Maurolico nonché, esposti in piccole sale argenti del '700 e '800 e busti reliquiari di argento.
Messina, San Giovanni di Malta

Messina, Chiesa Annunziata dei Catalani

Annunziata dei Catalani

La piccola chiesa, d'impianto basilicale a tre navate con volte a crociera sulle laterali e nel transetto, venne edificata nella seconda metà del XII secolo. Il piano della chiesa è situato ad una quata più bassa rispetto a quella della città moderna, che risulta oggi più elevata per l'accumulo delle macerie prodotto dai terremoti


Cristo Re

Con una splendida vista sullo Stretto, a dominare la città e sul territorio anticamente occupato dall'antica fortificazione di Roccaguelfonia, la costruzione del tempio di Cristo Re, di G.B. Milani del 1937 e dedicata ai Caduti. Accanto al Santuario si erge una torre poligonale del 1100, contenente la campana dei Caduti, una delle più grandi d'Italia (peso 132 quintali).

Messina, Santuario Cristo Re
indietro Messina: l'arte e i monumenti continua