HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
 Mussomeli - Arte e Musei
La Chiesa Madre La Chiesa Madre
Fu eretta nel XV secolo da Manfredi III di Chiaramonte che la dedicò a San Giorgio (secondo altre fonti la chiesa sarebbe intitolata a San Ludovico). Inizialmente comprendeva una sola navata, ma nel XIV secolo, sotto la signoria dei Lanza, venne ampliata con due navate laterali. In precedenza la famiglia spagnola dei Castellar vi aveva fatto apportare alcune modifiche. All'interno si può ammirare il dipinto della volta centrale (opera dal pittore locale Salvatore Randazzo), statue e sculture di un certo valore (eseguite in un arco di tempo compreso tra il XV e il XVIII secolo).

La Torre Civica dell'OrologioLa Torre Civica dell'Orologio
Fu fatta costruire verso la metà del XVI secolo da Don Cesare Lanza. Eretta tra il 1549 e il 1580, venne in seguito restaurata (1875) e corredata di due grandi quadranti in marmo. La parte basale della torre è costruita con pietre tufacee mentre quella superiore con mattoni in cotto. La campana (del 1555), che con i suoi rintocchi segna il trascorrere delle ore nel corso della giornata, riporta sul suo bordo una incisione in latino.

La Chiesa di San DomenicoLa Chiesa di San Domenico
Detta anche Santuario della Madonna dei Miracoli, è uno degli edifici di culto più antichi. Venne fondata nel 1563 laddove sorgeva un'edicola risalente al 1530 e nel luogo in cui, in quello stesso anno, avvenne il "miracolo del paralitico". In seguito la chiesa fu interamente ricostruita e completata nel XVIII secolo. La facciata è di stile barocco; il campanile, a base quadrata, fu edificato nel 1810. All'interno della chiesa si custodiscono diverse e pregevoli opere d'arte, a cominciare da un bellissimo simulacro della Vergine opera del Biancardi. Da ammirare anche altre statue lignee, opera del Bagnasco. La volta della chiesa presenta splendidi affreschi rievocanti scene della Vergine e di Santi, eseguiti nel 1750 dal pittore Domenico Provenzano.
indietro l'arte e i musei continua