Proverbi Siciliani

Antichi Proverbi Siciliani

Ecco una raccolta dei più famosi proverbi siciliani con la traduzione in italiano – Antichi Proverbi e Detti della Sicilia.
proverbi siciliani

A casa, senza a fimmina, ‘mpuvirisci.
La casa, senza la donna, impoverisce.

A facci ca non è vista, è disidirata.
Volto non visto, è più desiderato.

A fimmina ca havi russuri, attira chiù d’i ricchizzi.
La donna attira più col suo pudore, che colle sue ricchezze.

A fimmina è comu a iatta: prima t’accarizza e si ‘ngugna, ma quannu si marita nesci l’ugna!
La donna è come la gatta: prima t’accarezza e si avvicina ma quando si sposa esce le unghie!

Ama a cu t’ama, rispunni a cu’ ti chiama.
Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama.

Bona maritata, senza sòggira e cugnata.
E’ ben sposata, la donna che non ha né suocera né cognata.

Cu si marita ‘nto quartieri bivi ‘nto so bicchieri; cu si marita ‘nta centrata, bivi ‘nta cannata.
Chi sposa nel suo quartiere, beve nel suo bicchiere; chi sposa nella sua contrada, beve nell’anfora.

Dui sunu i putenti : cù avi assai e cù non avi nenti !
Due sono i potenti : chi ha assai e chi non ha niente!

Facci ca non è vista, è disiàta.
Faccia che non è vista, è desiderata.

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
Donna barbuta, non salutarla neppure da lontano.

Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona.
Una donna fine, val più di una corona regale.

Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru.
Donna lavoratrice, gallina di pollaio, e triglia di gennaio.

Fimmina ca non s’allucia all’oru, vali chiossai di ‘n tisoru.
Donna che non si fa affascinare dall’oro, val più di un tesoro.

I fimmini quarchi vota dìciunu u veru, ma non lu dìciunu interu.
Le donne talora dicono il vero, ma non lo dicono intero.

L’amuri è misuratu, cu lu porta, l’havi purtatu.
L’amore è reciproco, chi ne dà, ne riceve.

La farfalla, a lu lumi attornu vola.
La farfalla vola sempre attorno alla luce.

L’acqua si ni va ‘nta la pinnenza, l’amuri si ni va unni c’è spiranza.
L’acqua scende lungo il pendio, l’amore se ne va dove c’è speranza.

La lontananza ‘un abbannuna amuri, chiuttostu menti ‘na vampa ‘nto cori.
Il distacco non fa diminuire l’affetto, anzi accende un fuoco nel cuore.

Muggheri onesta, trisoru ca resta.
Moglie onesta, tesoro che resta.

Non amari a cu t’ama è gran piccatu, amari a cu non t’ama è tempu persu.
Non amare chi t’ama è gran peccato, amare chi non t’ama è tempo perso.

Non c’è nenti chi fari, simpatia e antipatia su’ cosi naturali.
Non c’è niente da fare, simpatia e antipatia son fatti naturali.

Non c’è sàbbutu senza suli, non c’è fimmina senza amuri.
Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.

Non ci po’ èssiri veru amuri, unni ognunu voli èssiri pattruni.
Non ci può essere vero amore , dove ciascuno voglia essere padrone esclusivo delle proprie cose.

Non si’ amatu, si pensi sulu a tia.
Non sarai amato, se penserai solo a te.

Non su’i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e lu bonu parrari.
Non sono soltanto le tue bellezze a farti amare, ma la gentilezza e il cortese parlare.

Nuddu ti pigghia, si non t’assumigghia.
Nessuno ti piglia, se non ti rassomiglia.

Partutu ca l’amuri, resta lu pintimentu e lu duluri.
Svanito l’amore, restano il pentimento ed il dolore.

Ppi cu ama, ogni goccia di suduri, è na perla prizziusa di lu cori.
Per l’innamorato, ogni goccia di sudore, è una perla preziosa del cuore.

Quannu l’amuri tuppulìa, non lu lassari ammenzu a la via.
Quando l’amore bussa alla tua porta, non lo lasciare in strada.

S’astuta prestu lu focu di pagghia.
Si spegne presto il fuoco di paglia.

Unni c’è interessi, non c’è amuri.
Dove prevalgono gli interessi materiali, non c’è amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *