Catania: l’arte e i monumenti 2

Porta Uzeda

Porta Uzeda


Porta Uzeda

Dedicato a S.Agata, patrona della città, fu edificato dal conte Ruggero negli anni 1078-93 sui resti delle Terme Achilliane e ritatto una prima volta nel 1169 e poi dopo il terremoto del 1693. Il prospetto principale, recentemente restaurato, fu realizzato da G.B.Vaccarini tra il 1733 e il 1761 mentre il retro (visibile dal cortile dell’Arcivescovado) mantiene le strutture originare dalla struttura religiosa, tutta in pietra lavica a grossi blocchi.


Chiesa di S.Nicola

Chiesa di S.Nicola

Chiesa di S.Nicola
Di grandiose proporzioni,(m.105×48 altezza della cupola m.62) venne iniziata nel 1682, ma fu bloccata prima dal terremoto e poi da difficoltà tecniche che ne avrebbero fatto la chiesa più grande della Sicilia. Per questo suo stato di incompletezza, la facciata risulta di grande suggestione, con le possenti colonne rimaste interrotte.

 

La Collegiata

La Collegiata


La Collegiata

Detta anche Regia Cappella si affaccia sulla tratto di Via Etnea diretto verso il centro. Tra le più significative opere del tardobarocco catanese fu realizzata nei primi del ‘700 su progetto di Angelo Italia e completata nel prospetto da Stefano Ittar (1758). L’interno ha le volte affrescate da Giuseppe Sciuti (tardo ‘800)

 


Via Crociferi

Via Crociferi

Via Crociferi
Uno degli ambienti più monumentali e significativi della Catania barocca. Vi si dipongono in rapida successione: l’arco di S.Benedetto, la chiesa di S.Benedetto, l’ex Collegio dei Gesuiti, la Chiesa di S.Giuliano e il Convento dei Padri Crociferi che ha dato nome alla strada. Recenti scavi hanno portato alla luce allineanenti stradali di origine romana e parti di un mosaico.


Chiesa di S.Giuliano

Chiesa di S.Giuliano

Chiesa di S.Giuliano
Affacciata sulla splendida Via Crociferi, la “perla” del Barocco settecentesco di Catania, l’imponente Chiesa di S. Giuliano, attribuita a Giovan Battista Vaccarini (1739-51)

Commenti chiusi