SCAPAGNINI E DRAGO HANNO PRESENTATO IL PROGETTO SURPRISE

LAVORI PUBBLICI: SCAPAGNINI E DRAGO HANNO PRESENTATO IL PROGETTO SURPRISE
Data: 14/12/2006 Categoria: OOPP
Individuare i problemi dell’area circostante la fiera per migliorarne la vivibilità dei residenti, degli operatori e dei fruitori. Questo è lo scopo del progetto Surprise presentato stamani dal sindaco Umberto Scapagnini e daqll’assessore ai Lavori Pubblici Filippo Drago. Presenti l’assessore alle Manutenzioni, Gianni Vasta, Piera Busacca e Filippo Gravano del Laboratorio per la progettazione ecologica e ambientale del territorio dell’Università di Catania e la dirigente comunale Maria Luisa Areddia. Il progetto è realizzato nell’ambito del programma Interreg III C, e prevede una collaborazione tra enti locali dei paesi dell’Ue. In particolare, l’iniziativa coinvolge, oltre al Comune di Catania, le Amministrazioni comunali di Messina, Torino, Madrid, Roma e Agios Pavlos in Grecia. Per la sua realizzazione la città di Catania ha ottenuto un finanziamento di 40.000 euro a cui si aggiungono 10.000 euro messi a disposizione dal Comune. Obiettivo è la progettazione partecipata, cioè tutto ciò che riguarda i cittadini e la partecipazione alla vita della città. Per questo sono previste varie fasi. Si comincia così con la zona circostante la fiera per eseguire un’attività di informazione riguardante la progettazione insieme ai cittadini. Oggi e domani, venerdì 15 dicembre, un gruppo di studenti dell’Università saranno a disposizione di tutti coloro che hanno idee e suggerimenti per individuare e trovare insieme la soluzione dei problemi della zona. “Questa iniziativa è molto importante per lo sviluppo del centro cittadino – ha dichiarato il sindaco Scapagnini- perché vede impegnato direttamente il cuore della città, e cioè i giovani, grazie alla preziosa collaborazione dell’Università. Inoltre sono orgoglioso – ha concluso il primo cittadino- che Catania si potrà avvalere della collaborazione di altre importanti metropoli europee ed italiane per far si che possa diventare a dimensione europea”. Soddisfatto anche l’assessore Drago che ha così commentato il progetto “Continuiamo con la progettazione partecipata per far riscoprire Catania ai cittadini e non solo. Dopo San Berillo si va avanti con altri luoghi da migliorare e per sviluppare programmi urbani improntati alla sostenibilità ambientale, sociale, economica ed istituzionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *