HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
 Paternò - Arte e Musei
Il Castello Il Castello
Costruito nel 1073 da Ruggero il Normanno, rifatto nella prima metà del '300, restaurato nel 1900 e in seguito nel 1958. L'interno è ben conservato: al pianterreno una cappella con tracce di affreschi. Per mezzo di scale ricavate nello spessore dei grossi muri si sale al 1° piano nella grande sala d'armi, illuminata da 4 belle bifore, poi al 2° piano attraverso un ampia galleria che prende luce da due grandi bifore e infine alla terrazza superiore con uno splendido panorama dell'Etna, della Piana di Catania e della Valle del Simeto. Recentemente nel castello sono state allestite delle mostre temporanee e il piazzale antistante in estate ospita diverse rappresentazioni in occasione della rassegna Roccanormanna. Un'ultima rappresentazione teatrale all'interno del castello, risale al Natale 1994, in occasione dell'anniversario di nascita di Federico di Svevia. Attualmente viene utilizzato per l'esposizione di mostre temporanee.

Basilica S.Maria dell'Alto Basilica S.Maria dell'Alto
Con il castello costituisce il secondo gioiello architettonico della collina. Il nome di "Madrice" (erroneamente detta Matrice) deriva da Madre cioè "semplice, primitiva". La facciata originale, ancora visibile, di stile romanico a tre spioventi si apriva ad Ovest, dove, secondo il Mandalari, c'era la porta d'Agira, una delle porte d'ingresso della città. Nel XVII secolo essa fu trasferita ad oriente in direzione del nuovo abitato che si spostava da Ponente verso Levante, e alla fine del XVIII secolo risale la realizzazione della scala monumentale d'accesso. La nuova facciata si presenta molto imponente in stile composito siciliano, dalle linee semplici.

La Chiesa e il Convento di S. Francesco
La presenza dei francescani a Paternò è documentata sin dal 1321. Nel 1346 i francescani ricevono in dono, a Paternò, da parte della regina Eleonora di Aragona, il palazzo regio, probabilmente di epoca normanna, e la contigua chiesetta allora intitolata a S. Gregorio, fondata nel 1086 dal conte Ruggero ed elevata a cappella regia nel 1114. La chiesa ha la tipica pianta francescana ad unica navata rettangolare con portali a sesto acuto, arcate ogivali, presbiterio con volta a crociera, monofore bicromiche in conci calcarei e in pietra lavica. La copertura della navata, interamente crollata nel 1904, era invece del tipo a capanna con capriate, come lasciano intravedere i fori d’incasso delle travature. Quasi tutti perduti sono gli affreschi trecenteschi, frutto di una maniera d’arte tipicamente locate, che ornavano le pareti di effigi sacre e di scene dell’agiografia francescana.

Chiesa Cristo al Monte
Posta sulla collina fra l’imponente struttura della chiesa di S. Maria dell’Alto ed il convento di S. Francesco, la chiesa di Cristo al Monte fu fatta costruire dai confrati della Compagnia dei Bianchi intorno alla metà del ‘500 con l’intento di assistere i prigionieri condannati a morte. Dalla sacrestia è tuttora possibile accedere alle segrete, anche se in parte dirute, che ospitavano i malcapitati in attesa della pena capitale. Pare che i monaci facessero scappare i prigionieri durante la notte e si prendessero cura delle mogli e dei figli di coloro che venivano giustiziati. La struttura esterna della chiesa si presenta molto semplice e priva di ogni ricercatezza stilistica, eccezione fatta per il grazioso portale d’ingresso sovrastato dall’emblema dei Bianchi. L’interno, invece, ricco di statue decorazioni pittoriche e fregi di pregevole fattura, contrasta la semplicità dell’esterno e accentua la diversa datazione della sua realizzazione risalente al XVIII secolo. Splendidi sono anche la nicchia decorata in oro zecchino che conteneva la statua di Cristo alla Colonna (oggi trasferita nella chiesa della SS. Annunziata) e i quattro altari minori che si appoggiano alle pareti della chiesa. Accanto alla costruzione vi è un piccolo cimitero, separato da quello più grande, privilegio dei nobili che appartenevano alla Confraternita.
indietro l'arte e i musei continua