HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
Grammichele

I Ritrovamenti di ceramiche e monete effettuati in località Terravecchia confermano l'esistenza di un centro greco-siculo, identificato con Echetla, città o fortezza della Sicilia sui confini del territorio siracusano. Menzionata da Diodoro, nel 309 a.C. fu occupata da un corpo di truppe al servizio di Siracusa; in seguito fu presa, nonostante la sua forte posizione, da Xenodico di Agrigento che le ridiede la libertà. E' ancora ricordata da Polibio per la sua posizione ai confini tra il territorio siracusano e quello dei Cartaginesi. Fu assediata da Roma all'inizio della prima guerra punica. nel medioevo si formò, sul luogo dell'antica città, un borgo che fu feudo della famiglia Carafa Branciforte. Distrutto dal terremoto del 1693, i suoi abitanti si trasferirono nel luogo attuale, dove venne fondato da Carlo Maria Carata Branciforte il borgo di Grammichele, che ebbe in seguito rapido sviluppo.presenta una pianta perfettamente regolare: l'abitato ha una planimetria esagonale, imperniato su una piazza ugualmente esagonale; la struttura delle vie ripete il tema dell'esagono: le sei vie che partono dalla piazza centrale raggiungono altrettante piazze periferiche. Il massimo accrescimento, negli anni, è avvenuto verso sud-est, dove i nuovi quartieri assumono struttura a scacchiera.