HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
 Belpasso
Belpasso: il municipioSi chiamò Malpasso (il nome sembra derivare da Malus Passus, ovvero passo pericoloso, per via delle imboscate tese dai briganti che popolavano la zona) fino al 1669 , quando fu interamente distrutto da un'eruzione dell'Etna. Gli abitanti furono costretti a rifugiarsi a Catania e, con contributo dello stato, costruirono un altro borgo cui fu dato il nome di Fenicia Moncada. Ma a causa di un terremoto, nel 1693, anche questo nuovo centro venne distrutto. Due anni più tardi si diede inizio, nel luogo del primitivo abitato, alla ricostruzione di un terzo centro centro che fu chiamato per buon auspicio Belpasso. La costruzione del nuovo paese iniziò con l'edificazione della Chiesa Madre, attorno alla quale si sviluppò il centro urbano. Il feudo appartenne successivamente alla famiglia Moncada, dei Principi di Paternò. A Belpasso nacque il poeta dialettale e drammaturgo Nino Martoglio (1870-1921). Il Paese presenta vie e piazze ben spaziate con una struttura a scacchiera regolare e nei secoli si è accresciuto a nord-est fino ad inglobare i centri di Piano Tavola e Borrello. Nell'agglomerato industriale di Piano Tavola, a circa 5 km a sud del centro abitato, è presente un notevole numero di aziende operanti nei settori più disparati. Famosa è la produzione belpassese di dolciumi tipici siciliani. Belpasso è anche un importante centro di produzione di olive, mandorle, fichidindia e uve pregiate. In crescita il flusso turisico degli ultimi anni grazie anche ad una serie di importanti iniziative. Tra le più importanti: Motoraduno internazionale dell’Etna, Marcialonga Belpasso-Etna, Carnevale Belpassese, concorso canoro "Lennon Festival, Festival del Gelato, Concorso a premi "Festival della Rosa" , Mostra mercato dell’Artigianato e dell’Agricoltura e Mostra della pietra lavica.