HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO
Calmonaci

Lo stesso nome di Calamonaci sembra essere di indubbia provenienza araba Kal-at-Munach, fortezza di fermata o di sosta; stazione di fermata dove si rilevano i cavalli. Sorge su un'altitudine di 307 metri a 54 chilometri da Agrigento e a 4 da Ribera, il suo territorio si estende dalla montagna Chirchillo a Scirinda e dal fiume Verdura alla Salina Sorge, quindi, tra rigogliosi vigneti e secolari uliveti e la sua economia Ŕ prettamente agricola. Si producono, in particolare, vino, olio, agrumi, mandorle. Nel 1287 l'antico feudo venne venduto dal re Giacomo di Aragona a Berengario de Villaragut che aveva seguito il suo sovrano in Spagna. Nel 1296 Federico II lo concesse a Berengario de Spuches con la clausola dello jus francorum. Successivamente pass˛ ai baroni Inveges e Perollo di Sciaccca. Non fu mai molto popolato, rimanendo per alcuni secoli nelle dimensioni di un modesto casale e pass˛ in proprietÓ a diversi feudatari. Il 6 febbraio 1574 Antonino De Termini ottenne lo Jus populandi, ossia il diritto a fondare e popolare il feudo di Calamonaci. Dieci anni dopo, iniziarono i lavori per la costruzione della Chiese di San Vincenzo Ferreri, unica Chiesa del paese. Nella prima metÓ del 1600 Calamonaci contava poco pi¨ di 650 anime. In questo secolo sorse anche un piccolo convento di Carmelitani, che ebbe per˛ poca vita. La storia del paese Ŕ legata, fino al secolo scorso, alle vicende delle famiglie locali che ne hanno acquisito il possesso. La cittÓ moderna si presenta al visitatore ben squadrata, divisa in quattro zone da due arterie principali (Corso Francesco Crispi e Via Garibaldi).