HOME | CULTURA | CUCINA | TURISMO | CITTA'| CARTOLINE
SiciliaIn: dentro la Sicilia, cuore del Mediterraneo - ARTE CULTURA e TURISMO

UN SANTO STRAORDINARIO: il Santo Patrono di Noto è il piacentino Corrado Gonfalonieri, che si ritiro a vita eremitica a Noto, dove visse dal 1343, fino alla morte, avvenuta nel 1351.tra i suoi miracoli, c’è quello di avere allargato la sua grotta a forza di spallate; onde ancor oggi i Retini dicono nelle difficoltà: <<E chi sono io, san Corrado, che allargò la sua grotta a forza di spalle?>>.E le campane delle chiese, alla sua morte, il 19 febbraio 1351, suonarono da sole, per annunziare il trapasso; per cui i Retini lo considerarono santo prima ancora della canonizzazione pontificia; e pertanto incorsero nella censura della Curia romana, da cui furono liberati soltanto da papa Paolo III nel 1544, quando la Congregazione dei Riti ne autorizzò ufficialmente il culto come Beato; e papa Urbano VIII lo canonizzò nel 1615.