Catania: Presentato il piano operativo Etna snow 2006-2007

Presentato il piano operativo "Etna snow 2006/2007", in collaborazione con la Polstrada di Catania.

Sorveglianza e monitoraggio della strada provinciale 92, che da Nicolosi porta fino al Rifugio Sapienza; collocazione di una stazione meteorologica, per sapere in tempo reale le condizioni climatiche sull'Etna; supporto logistico, con uomini e mezzi della Protezione civile; monitoraggio aereo, con riprese effettuate dall'alto.

Sono le quattro fasi operative in cui è suddiviso il progetto "Etna snow 2006/2007", avviato dalla Provincia regionale di Catania nell'ambito del più ampio piano di Protezione civile denominato "Etna sicura", presentato alla stampa nei giorni scorsi con l'obiettivo di rendere tranquilla e senza pericoli anche durante quest'inverno la fruizione della montagna. Il progetto è portato avanti con la collaborazione della Polizia stradale di Catania, con la Protezione civile di Adrano e l'associazione di volontariato "Asta".

A illustrare le fasi del piano operativo, nella sede della Polizia stradale a Catania, è stato l'assessore alla Protezione civile e alle Politiche del territorio dell'Amministrazione Lombardo, Marco Falcone, con il comandante della sezione di Catania della Polizia stradale, Antonino Di Vincenzo, il responsabile Pubbliche relazioni della Polstrada, Valerio Saitta, il responsabile del progetto di Protezione civile di Adrano, Maurizio Santangelo, e il responsabile del distaccamento Polizia stradale Monte Etna, ispettore Giacomo Sammarco. All'incontro sono intervenuti anche i consulenti delle Politiche del territorio, Gaetano Benincasa, e della Protezione civile, Giacomo Parisi.

"Siamo particolarmente soddisfatti – ha dichiarato l'assessore Falcone – di questa forte sinergia istituzionale avviata e, ancora una volta, confermata con la Polizia stradale, a garanzia della sicurezza di turisti, cittadini e residenti che ogni giorno fruiscono della nostra montagna. Siamo, altresì, soddisfatti anche della forte collaborazione con le associazioni di volontariato, che rappresentano, nel settore della Protezione civile, il vero braccio operativo della Pubblica amministrazione. Il progetto "Etna snow", infatti, si realizza grazie all'inventiva e all'entusiasmo del mondo del volontariato e a un costo minimo, ma con il risultato di un'altissima qualità nella sicurezza per tutti i cittadini".

Una sinergia confermata anche dal comandante Di Vincenzo, che assieme all'assessore Falcone ha spiegato le fasi del progetto.

La prima fase riguarda, pertanto, la sorveglianza e il monitoraggio della strada provinciale 92, inizialmente con l'impiego di otto telecamere e, successivamente, con dodici nei punti considerati maggiormente a rischio. Il collegamento con le telecamere sarà garantito 24 ore su 24, in diretto contatto con la Polstrada.

La seconda fase consiste, invece, nella collocazione di una stazione meteorologica che, in tempo reale, sarà in grado di riassumere e comunicare le condizioni climatiche sul vulcano. Basterà telefonare al numero: 331-4908560 per sapere se ci sarà pioggia, neve, ghiaccio sulle strade, vento, scarsa luminosità. Il servizio sarà utile anche per eventuali atterraggi di emergenza di elisoccorso. Tutte le informazioni climatiche verranno trasmesse e inserite nel sito Internet della Provincia regionale di Catania (www.provincia.ct.it).

La terza fase è il supporto logistico garantito da attrezzature, mezzi e uomini della Protezione civile, impiegati sulle strade provinciali (2 unità della Protezione civile e 2 dell'associazione Asta).

La quarta e ultima fase, infine, riguarda il monitoraggio aereo dell'Etna con velivoli ultraleggeri, effettuato in alcune ore del giorno, con riprese dall'alto per verificare se vi siano persone in difficoltà.

Il piano operativo "Etna snow" sarà applicato tutti i sabati, le domeniche e i giorni festivi e, come annunciato, si aggiunge alle altre fasi del più ampio progetto "Etna sicura", che comprende già il monitoraggio delle strade provinciali con lo spargimento di sale antighiaccio e un servizio di pronto soccorso sanitario, con autoambulanze 4×4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *